Cattedrale di Nostra Signora

Le barre SCULPLine immergono questo maestoso monumento in una pura luce bianca che mette in risalto I dettagli architettonici e crea un punto di riferimento suggestive riducendo iI costi energetici del 50%

Il 1° settembre 2018, la città di Anversa ha rivelato un nuovo impianto di illuminazione per la splendida Cattedrale di Nostra Signora  in occasione del cinquecentesimo anniversario della torre campanaria.

La città ha voluto mettere in risalto la maestosa architettura della cattedrale con una soluzione di illuminazione energeticamente efficiente.
Inaugurata nel 1521, la cattedrale è la più grande chiesa gotica del Benelux ed è l’orgoglio di Anversa. La torre fiammeggiante, che con i suoi 123 metri di altezza domina lo skyline Cittadino, è stata completata nel 1518.
 

Il piano di illuminazione: una visione globale per migliorare la qualità della vita degli abitanti di Anversa

Nel 2012, la città di Anversa ha lanciato un piano di illuminazione innovativo per l’intera città e I suoi sobborghi. Con questo piano, curato dallo studio di Susanna Antico, la città ha voluto implementare soluzioni di illuminaizone sostenibile che consumassero l’energia minima necessaria.

Quindi per rispettare I requisiti del piano in termini di longevità delle soluzioni, anche gli apparecchi per la cattedrale dovevano essere discreti e non interferire in nessun modo con la percezione dello spazio pubblico durante il giorno. Di notte, dovevano accentuare i dettagli architettonici per mostrare l’architettura in tutto il suo splendore.

Al cuore del piano di illuiminazione c’è il principio secondo il quale la luce dovrebbe prima di tutto essere a servizio degli utenti creando ambienti accoglienti, sicuri e confortevoli. Deve creare panorami funzionali e piacevoli.
 

Una soluzione delicata, precisa e sostenibile

Le barre SCULPline sono state scelte per risolvere la sfida di illuminare la cattedrale.
Questi proiettori lineari si integrano in facciata per un impatto visivo minimo.
Sono fissati direttamente alle strutture, ma senza danneggiarle, e sostituiscono i vecchi apparecchi collocati a una certa distanza dal monumento.

La nuova installazione offre un controllo più preciso della luce.
Essendo così vicini agli elementi da illuminare, gli apparecchi mettono in risalto i dettagli architettonici, prima offuscati dalla luce gialla dei vecchi proiettori.
Le barre immergono l’edificio in una pura luce bianca che esprime tutta la ballezza di questo capolavoro in pietra.

Grazie ai performanti motori fotometrici LensoFlex®2, gli SCULPline permetteranno alla città di conseguire notevoli risparmi energetici.
I proiettori consumano il 50% in meno rispetto agli apparecchi precedenti.
Oltre al ridotto consumo del sistema, ridurranno anche notevolmente i costi di manutenzione grazie alla loro maggior durata di vita.

Questo nuovo impianto di illuminazione, sempre a firma dello studio di Susanna Antico, ha conferito a questo edificio simbolico una nuova vita durante le ore notturne, accentuandone lo splendore.

Schréder è orgogliosa di aver preso parte alla realizzazione di questo impianto che soddisfa tutti i requisiti del piano di illuminazione della città: risparmio enrgetico, rispetto per il patrimonio storico e riqualificazione dello spazio urbano.

Groenplaats 21
Anversa
Belgio

Cliente

Città di Anversa

Soci

Lighting design: Susanna Antico
Project Management: Eandis
Installation contractor: Maes & Verstraeten

Applicazioni

Video file